Legitimate internet pharmacy in Sydney where you can buy propecia australia online. Para compra levitra puede ser visto como un desafío. Aumenta Smomenta, y todos los que se poco a poco abrumado, como es lógico, cada vez más hombres están diagnosticados con disfunción eréctil.

Final_fsmed_memoria1_it.pdf

RELAZIONE TECNICA DEL FORUM SOCIALE DEL MEDITERRANEO (FSMed)

1. Inventario dei compiti e responsabilità della Segreteria Tecnica
Le responsabilità della Segreteria Tecnica sono state, tra le altre, le seguenti: Coordinazione generale della marcia del Forum a Barcellona Gestione del ufficio tecnico (aprile-luglio 2005) Gestione del ufficio di Segreteria durante il Forum Gestione della sala di coordinazione generale durante il Forum In questo senso, le sue azioni principali sono state principalmente nei seguenti ambiti di lavoro: Visti (vedi comma 3 di questa relazione) Gestione delle iscrizioni degli assistenti (vedi comma 5 di questa relazione) Seminari e workshops in riferimento all'organizzazione Tecnica che l'elaborazione del programma implicava (vedi comma 8 di questa relazione) Cultura (vedi comma 11 di questa relazione) Communicazione (vedi comma 10 di questa relazione) Relazioni istituzionali Preparazione logistica del FSMed Numerose persone di varie organizzazioni catalane impegnate nel processo del FSMed di Barcellona sono state incaricate di portare a termine questi compiti. La Segreteria Tecnica includeva anche un ufficio tecnico (tra aprile e luglio del 2005) con il fine di fornire un supporto logistico più elevata. 2. Inventario dei compiti della Segreteria Tecnica
L'ufficio tecnico del FSMed si mise in funzione l'1 aprile del 2005 e rimarrà aperta fino alla fine di luglio. Durante questo periodo hanno lavorato 2 persone a tempo pieno. Nel periodo in cui questo ufficio tecnico non esisteva, degli incarichi tecnici se ne sono fatti carico persone di diverse associazioni coinvolte nel processo. Nei suoi 4 mesi di lavoro l'ufficio tecnico del FSMed si occupò di svolgere quelle mansioni amministrative e di gestione necessarie per il funzionamento del processo del FSMed nei suoi aspetti più cruciali. Il lavoro realizzato dall'ufficio tecnico è derivato dalle richieste della Segreteria Tecnica, per questa ragione, e per mantenersi informati sull'evoluzione del processo, i suoi 2 incaricati hanno partecipato alle riunioni della Segreteria i lunedì. Alcune delle mansioni svolte sono state portate a conclusione separatamente, come nel caso dei rapporti con il pubblico e il seguimento dei materiali del FSMed o la traduzione di alcuni testi. Mentre dall'ufficio, congiuntamente con le persona incaricata della posta del fsmed@fsmed.info, si ha risposto alle richieste generali fatte sul Forum. Alcuni incarichi, invece, si ripartirono per facilitare le consultazioni generali fatte sul Forum, laddove altri compiti indubbiamente sono stati ripartiti per facilitare la specializzazione in una o più tematiche concrete. Mansioni svolte dal ofitec1: ?? Gestione dei visti: relazioni pubbliche, inoltro dei documenti, relazioni con le ambasciate e i consolati, invio di informazioni attraverso la posta elettronica. ?? Gestione degli alloggi dei relatori delle conferenze ufficiali. ?? Supporto alla commissione di logistica nelle procedure con i fondi di solidarietà: elaborazione della lista dei candidati, comunicazione con i candidati, assistenza ai beneficiari… ?? Elaborazione di diverse statistiche ?? Gestione della casella postale ofitec1@fsmed.info. ?? Procedura giornaliera della banca dati: delegati, volontari, stampa, organizzatori, gruppi di supporto, attività, bancarelle, bancarelle alimentari, attività culturali e artistiche. ?? Invio degli email di conferma di ricevimento dei moduli: delegati, volontari, stampa, organizzatori, gruppi di supporto, attività, bancarelle, bancarelle alimentari, attività culturali. ?? Supporto alla commissione del programma: invio degli email per la conferma delle attività, gestione delle informazioni ricevute dalle organizzazioni e/o le persone che organizzavano i seminari e gli workshops e controllo de la distribuzione degli orari e delle sale. ?? Collaborazione con la tesoreria del FSMed per la messa in moto e controllo dei salari. ?? Invio degli email, informazioni generali alle mailing lists, internazionali e catalana. ?? Gestione della casella postale ofitec2@fsmed.info.(Il 13 luglio, da questa casella postale si era raggiunto un totale di 1159 messaggi inviati e 727 messaggi ricevuti). 3. Gestione dei visti
Uno dei primi compiti affrontati dall'Ufficio Tecnico fu la necessità di inoltrare le pratiche per i visti. Dalla commissione istituzionale si erano già mantenuti contatti con il Ministero degli Esteri per determinare ciò che occorreva esattamente per l'ottenimento di un visto Schengen. Ottenimento di un visto Schengen Per ottenere un visto Schengen occorrevano diversi documenti. Per quanto riguardava l'individuo si chiedevano documenti essenziali d'identificazione, dal passaporto ai documenti accreditativi di permanenza nel suo paese come per esempio un estratto conto bancario con i dettagli delle entrate. Tutto ciò si deve al timore delle autorità che qualcuno prolunghi la sua permanenza nella zona Schengen oltre al periodo del permesso. Una volta che i documenti sono stati approvati è necessario aspettare 15 giorni giacché l'approvazione del visto è soggetto al nullaosta di tutti i paesi della zona Schengen. Se uno dei paesi non approva, esso non viene concesso. Per quanto riguarda noi, come organizzatori del Forum, ci vengono richieste anche altre cose. Prima di tutto di mandare un invito a ciascun partecipante poiché i viaggi nella zona Schengen devono essere motivate e per attraversare la frontiera può essere necessario un invito. Il secondo documento necessario è una lettera per ciascun consolato nella quale si spiega che cos'è il Forum e si forniscono i dati del partecipante. Inizio Il primo passo del processo è quello di inviare un email a tutti i partecipanti all'esterno dell'UE perché c'informino se necessitino di un visto. Nello stesso email ci chiede che vengano forniti i dati necessari per il processo sopra descritto. Inoltre si richiede un numero di fax dove si possano spedire gli inviti. Man mano che si ricevevano le informazioni le s'inserivano in una banca dati e si preparava la documentazione. È necessario chiarire che l'Ufficio Tecnico iniziò a lavorare l'1 aprile e il termine per l'iscrizione dei partecipanti ai quali occorreva un visto era il 25 aprile. Questa misura fu presa in quanto c'era bisogno di tempo a sufficienza per completare tutte le pratiche ed è sempre saggio stabilire un termine temporale in modo da prevenire qualsiasi inconveniente. In una prima negoziazione con il Ministero degli Esteri del Governo spagnolo si decise l'1 maggio che era necessaria la lista di tutte le persone che avevano fatto richiesta di un visto. Bisogna sottolineare, arrivati a questo punto, che degli 881 visti inoltrati (inclusi popoli e stati della regione mediterranea e altri stati del mondo) dall'ufficio tecnico, solo 156 richieste sono
pervenute prima del 25 aprile. In pratica, solo il 17,7% delle richieste arrivarono per la data
prevista.
Processo : vicissitudini e imprevisti
La prima vicisitudine nella quale ci siamo imbattuti fu che praticamente nessuno inviava le
informazioni richieste in tempo. Per di più la maggior parte delle informazioni arrivavano con
parecchio ritardo, in modo tale che il tempo per rispondere a qualsiasi inconveniente era
praticamente nullo. Questo, inoltre, aumentava notevolmente il numero di contatti con i
consolati per fare richieste urgenti o sollecitare maggiore flessibilità nelle pratiche.
Per di più questa informazione arrivo un po’ in ritardo per il fatto che a seconda della regione
del mediterraneo in questione, l'estensione geografica rendeva le cose più difficili e la notizia
dell'esistenza del Forum arrivò più tardi.
Allo stesso tempo fu un fattore decisivo il fatto che non si ottenne la distribuzione del fondo di
solidarietà fino alla metà di maggio. Molti dei partecipanti non volevano rischiare di inoltrare le
pratiche per il visto (poiché per gli stipendi del Sud rappresenta un sforzo economico anche
solo il pagamento di un visto) fino ad avere la certezza che potevano beneficiare di questo
aiuto economico.
Un'altra difficoltà incontrata fu proprio quella dei rapporti con i consolati. Anche se alcuni dei
funzionari consolari ci diedero un trattamento ottimo e mostrarono una flessibilità notevole,
altri furono delle vere e proprie
Otra dificultad fue la del propio trato con los consulados. Si bien diversos funcionarios
consulares nos dieron un trato exquisito enos mostraron una flexibilidad notable, otros
sollevarono numerosi incovenienti che sembravano andare oltre lo svolgimento del loro lavoro.
Infine si deve dire che si tenne un'ultima riunione con la Direzione Generale degli Affari
Consolari poiché con alcuni consolati si posero più problemi di quelli attesi. Quest'ultima
riunione fu di beneficio nel caso in cui si dovessero concedere dei visti con urgenza.
Mostreremo qui di seguito il numero di visti richiesti e inoltrati per ciascun paese e relativi
ottenuti.
% di visti ottenuti per paese (regione mediterranea) :

Ottenuti
Richiesti e inoltrati
4. Gestione della rete e della posta del FSMed
La pagina web del Forum Sociale Mediterraneo, www.fsmed.info, è attiva dall'inizio di gennaio 2003 e durante questi due e passa anni sono state pubblicate in essa informazioni relative allo sviluppo del Forum. Il 24 giugno 2005 la paginaweb disponeva di 489 pagine visibili più 18 pagine di strumenti. In queste pagine sono stati pubblicati più di 109 documenti diversi che con la traduzione nelle 6 lingue, arrivano a un totale di 557 testi. Inoltre, man mano che il processo avanzava si crearono diverse mailing lists in base alle diverse tematiche del Forum. Queste liste sono di carattere internazionale e delle sei che esistevano, la Generale, delle Estensioni, di Logistica e del Programma iniziarono a funzionare nel giugno 2003, quella del Gruppo di Coordinazione Internazionale nel settembre dello stesso anno e quella delle Donne nel dicembre 2004. Queste mailing list contenevano il seguente numero di iscrizioni e transito di messaggi: Mailing list
Nº di iscritti
Nº messaggi ricevuti nella
lista

Si aveva in funzione anche una mailing list dove circolavano messaggi relativi alle questioni delle Estensioni e informazioni a livello di Barcellona/Catalunia. Si tratta della lista catalana e comprendeva un totale di 241 indirizzi. Infine, un altro strumento utile di communicazione e di informazione sul Forum fu l'indizzo di posta elettronica fsmed@fsmed.info, che ricevette e processo 7973 messaggi (includendo tra altri informazioni generali, iscrizioni alle assemblee internazionali, domande varie sul FSMed, traduzioni…) e envió 3895. Chiaramente non si è potuto evitare la posta spazzatura e si ricevettero ben 15069 messaggi di questo tipo. 5. Assistenti: individui e organizzazioni
In questo momento di continua a lavorare con la banca dati per poter concrettizzare il nume ro degli assistenti, tuttavia approssimativamente possiamo quantificare l'assistenza nelle seguenti cifre: Delegati Del totale degli assistenti, 650 erano compagnie del sud e del est, entro le quali 425 viaggiarono dai loro rispettivi paesi, e il resto, 225, erano residenti in Catalonia e altri paesi europei. Mostreremo qui di seguito un quadro con le percentuali di partecipanti da ciascun popolo o stato che ha partecipato al FSMed:
Dati di ingressi al Forum per Paese
(Stima)

Paese
L' informazione sulla participazione al FSMed per Paese la si è ottenuta praticamente da due fonti. La prima è la nostra stessa banca dati delle persone iscritte nella rete, poiché nel modulo era obbligatorio riempire una casella con il Paese di provenienza. Questa prima fonte in se stessa ha un inconveniente, giacchè non tiene conto delle informazioni di coloro che sono entrati direttamente allo sportello. Inoltre la lista sulla rete contiene anche persone che alla fine non parteciparono al FSMed. Per mezzo del controllo dei pagamenti delle iscrizioni è possibile stabilire che ha partecipato e chi no. La seconda fonte d'informazione è il contatto diretto con le persone e coordinazioni degli altri Paesi che ci hanno fornito dati con il numero delle persone che arrivavano con la loro autovettura, e che erano registrate. A partire da queste due fonti, vi presentiamo, qui di seguito una stima del totale di assistenti per totale di partecipanti da ciascun dei Paesi. È da sottolineare l'assistenza della gente proveniente da più di 40 popoli e stati di tutto il mondo. Per quanto riguarda le organizzazioni solo 48 si dichiararono come tali, pagando la quota di 50 euro, però un totale di 347 entità e reti promossero seminari e workshops. Così anche, 58 organizzazioni instalarono stands nei quali si vendevano o fornivano libri, oggetti di artigianato, prodotti di commercio equo e materiali di diffusione in generale. 6. Vendita di prodotti nello spazio Forum
Al fine di garantire che non si vendessero prodotti di multinazionali (e tenendo conto soprattutto dei prodotti che elencati nella Campagna Boicot Preventivo), si chiusero i bar, ristoranti e distributori automatici che normalmente funzionano in questo spazio fiera, e furono sostitutiti da un servizio di pasti e bar gestiti dalla Fundazione Futur, che oltre a utilizzare solo prodotti del commercio equo ed ecologico, utilizzava anche personale a rischio di esclusione sociale. adimás di utilizar tan solo productos di comercio justo eecológicos, tiene como finalidad la inserción laboral di personecon riesgo di exclusión Sociale. L'offerta della Fondazione Futur, comprendeva 8 stands che offrivano pasti e bibite nella “Plaça de l´Univers”, gestiti da organizzazioni che participavano al Forum. 7. Interpretazione
Tramite Babels, si provedette all'interpretazione simultanea del praticamente totale delle lingue presenti nel Mediterraneo (spagnolo standard, francese, arabo, catalano, italiano, inglese, greco, turco, amazic (berebere), portoghese, serbo-croata, kurdo e euskera-passivo). Le uniche richieste che non si son potute soddisfare furono l'ebreo, l'esperanto e l'euskera-attivo in quanto fu fatta richiesta con insufficente preavviso. Origine degli interpreti: - Algeria 1 - Austria 2 - Belgio 14 - Danimarca 1 - Egitto 2 - Stato spagnolo 56 - Francia 19 - Grecia 6 - Olanda 2 - Italia 24 - Libano 7 - Marocco 2 - Portogallo 1
- Svizzera 5
- Turchia 2
- Regno Unito19
Cabine di ciascuna lingua:
- Arabo 26
- Catalano 18
- Greco 6
- Inglese 19
- Amazic 2
- Spagnolo 56
- Euskera 2
- Francese 44
- Serbo-croata 2
- Italiano 26
- Kurdo 1
- Portoghese 2
- Turco 2
8. Gestione del programma
8.1. Riepilogo dei dati sulle attività finali del FSMed
Attività registrate prima del 1 maggio 2005: 299
Attività incluse nel programma e svolte durante i giorni del Forum: 210 (incluse le attività
autogestite e il resto delle attività).
La riduzione del numero delle attività è spiegabile da tre diversi fattori: accorpamenti, mancate
conferme e annullamenti. Tra i seminari e i workshop finali, sette sono stati accorpati, 57
attività non sono state confermate (né nel giro di e-mail del 2 maggio, né in quello del 18
maggio), e le restanti hanno finito per essere cancellate.
Tra le attività che hanno fatto parte del programma finale del FSMed troviamo sia i seminari e i
workshop registrati tramite Internet, sia tutte quelle altre attività derivate dal processo del
Forum, come ad esempio le Conferenze Centrali o l’Assemblea delle Donne.
La composizione del programma risulta quindi la seguente:

Attività autogestite
134

Assemblee: Donne + Movimenti contro la guerra + Movimenti Sociali Riunioni: Studenti + FSMagreb + immigranti + “Red Solidaria contra la Ocupación de Palestina” (rete solidaria di organizzazioni madrilene contro l’occupazione della Palestina)

8.2. Le conferenze

Le conferenze sono state organizzare sotto la responsabilità dell’Assemblea Internazionale.
Durante l’Assemblea di Rabat sono stati decisi i 7 nuclei tematici elencati qui di seguito:
1. Democrazia, cittadinanza e diritti dell’uomo e della donna.
2. Conflitti, occupazioni militari, militarismo e pace.
3. Diritti economici, sociali e culturali, e modelli di sviluppo. I conflitti del lavoro.
4. Migrazione.
5. Diversità culturale e dialogo interculturale.
6. Modelli di sviluppo e sostenibilità ambientale.
7. La donna e il Mediterraneo.
Partendo da questi sette nuclei tematici, durante l’Assemblea di Malaga sono state proposte
delle conferenze con i seguenti titoli:
1. “Difendendo i diritti si costruisce la pace”.
2. “Il muro dell’Apartheid in Palestina”. (Successivamente, durante l’Assemblea di Istambul,
questo titolo è stato sostituito da: “Il Mediterraneo: regione di libera militarizzazione,
occupazione e repressione”.)
3. “Contro la mercificazione dei beni pubblici e per i diritti fondamentali universali”.
4. “Criteri per l’elaborazione di un quadro internazionale e interculturale sui fenomeni migratori
del Mediterraneo”. (Successivamente, durante l’Assemblea di Istambul, questo titolo è stato
sostituito da: “Cause ed effetti delle migrazioni”.)
5. “La cultura come strumento di trasformazione sociale”.
6. “L’acqua”.
7. “Esperienze di resistenza delle donne del Mediterraneo”.
8. “Libero commercio come modello di sviluppo nell’area del Mediterraneo: conseguenze e
alternative”.
9. “Strategie per il conseguimento della sovranità alimentare nel Mediterraneo”.
Durante l’Assemblea di Marsiglia sono stati fissati i criteri per la selezione dei relatori e
sono state avviate le proposte dei nomi. Ecco i suddetti criteri nel dettaglio:
4-6 relatori/trici per conferenza (preferibilmente 4); o uno/a per presentare e moderare, o l’altro/a per stilare la relazione; possedere una concezione mediterranea e saper dare una visione del problema nord-sud.
Partendo da questi criteri, analizziamo ora le proposte presentate nelle singole conferenze e i
dati finali sui partecipanti delle conferenze durante il FSMed.
8.2.1. “Difendendo i diritti si costruisce la pace”

Relatori/trici previsti/e
I diritti umani nel Mediterraneo: diritti collettivi e diritti individuali. Impunità, tortura, detenzioni arbitrarie. Lo Stato e l’uso statale della religione (questa tematica era stata aggiunta durante l’assemblea in Turchia ma alla fine non è stata trattata).
8.2.2. “Il Mediterraneo: regione di libera militarizzazione, occupazione e
repressione”

Relatori/trici previsti/e
dall’Irak da parte del 4 Uomini “Sindacato del Petrolio di Bassora”. Il ruolo di Israele nei progetti imperialistici nell’area del Mediterraneo. L’occupazione della Palestina come esempio dell’intervento imperialista nell’area del Mediterraneo. Il movimento contro la guerra che si batte contro l’intervento imperialista nell’area del Mediterraneo. Il ruolo dell’Europa nell’intervento imperialista; la responsabilità degli Stati Uniti in cooperazione con l’Europa.
8.2.3. “Contro la mercificazione dei beni pubblici e per i diritti fondamentali
universali”
Relatori/trici previsti/e


Tematiche principali:
Processi di privatizzazione dei servizi pubblici di base. Esigenza di rivendicare che servizi come la sanità, l’istruzione, i trasporti, l’acqua e l’energia siano garantiti per tutti. Esigenza di mobilizzarsi e presentare delle proposte per raggiungere questi obiettivi.
8.2.4. “Cause ed effetti delle migrazioni”
Relatori/trici previsti/e
Abdessamad (Fédération tunisienne des deux rives – Francia) Proposta di una Carta dei Diritti dei migranti. 8.2.5. “La cultura come strumento di trasformazione sociale”
Relatori/trici previsti/e

La preparazione della conferenza sulla Cultura è iniziata durante l’Assemblea di Marsiglia, ma i
ritocchi finali al titolo, alla metodologia e ai contenuti sono stati apportati soprattutto durante
l’ultima assemblea, quella di Istambul, quando si è iniziato anche a proporre i nomi dei relatori.
Da quel momento, sulla mailing list della Cultura (creata nelle due assemblee preparatorie)
abbiamo iniziato a ricevere numerose proposte di relatori, finché, il 5 maggio 2005, si è
organizzata una riunione internazionale a Barcellona con il fine di ultimare la selezione dei
relatori in funzione dei contenuti più importanti da trattare nella conferenza.
La conferenza è stata organizzata partendo dal concetto di “trasformazione”, concentrandosi
essenzialmente su esperienze che potessero servire da modelli di mutamento.
La conferenza si è articolata in 2 parti:
-1ª parte: Presentazione del quadro generale. La cultura della violenza e la necessità di
trasformarla in una cultura del dialogo interculturale, del rispetto e della cooperazione,
includendo tematiche quali:
la cultura contro il modello predominante (produzione ed esportazione della cultura industriale. La cultura come mercanzia, come elemento di consumo, in un modello in cui le persone sono considerate consumatori passivi. Modello unico, pensiero unico); la cultura della violenza e della mancanza di sicurezza, e i suoi effetti principali (identità collettiva, valori, ordine sociale, etnocentrismo, etc.); la cultura in quanto catalizzatrice e promotrice del dialogo interculturale e della trasformazione della cultura della violenza in una cultura della pace, della cooperazione e del mutuo soccorso. Presentazione a cura di: Constant Kaimakis, membro del sindacato Solidaires, Francia; Presentazione generale: Salima Getzali, attivista per i diritti umani, scrittrice, giornalista, Algeria. -2ª parte: Presentazione di tre esempi concreti di interventi artistici e culturali quali alternative al modello predominante (livello patriarcale, istruzione, alternative al modello sociale violento): mezzi di comunicazione: Svetlana Lukic (giornalista radiotelevisiva indipendente B92). Il ruolo dei mezzi di comunicazione in Serbia e Montenegro durante il conflitto dei Balcani e le iniziative civili di controinformazione. Istruzione: Professore Yossi Schwartz (professore dell’Università di Tel Aviv, membro dell’Alternative Media Center con sede in Israele e in Palestina). Il ruolo dell’istruzione e della cultura in questa regione, dove diventa elemento di disgregazione e scontro tra comunità. L’esperienza pratica dell’Alternative Media Center come esempio di educazione all’integrazione. Patriarcato, valori e ordine sociale: Nawal El Saadawi (scrittrice, femminista, fondatrice dell’Arab Women’s Solidarity Association). L’imperialismo culturale e il patriarcato; necessità di orientars i verso un nuovo modello di società e di famiglia.
8.2.6. “L’acqua”

Relatori/trici previsti/e
Lo stato attuale dell’accesso all’acqua nella conca del Mediterraneo. Esigenza di fissare l’obiettivo per cui entro il 2025 dovranno avere accesso all’acqua quei 400 milioni di persone della zona del Mediterraneo che ancora non lo hanno. Il problema dell’acqua deve diventare una voce fondamentale delle agende politiche dei paesi di tutto il Mediterraneo, affinché il problema non si riduca esclusivamente a una questione scientifica e culturale. Il processo di privatizzazione; la lotta alla privatizzazione è legata a quella del risparmio idrico. Stato attuale della questione idrica nel Kurdistan. La relazione tra la questione idrica in Palestina e l’occupazione. Tutti gli insediamenti dei coloni sono legati alla presenza dell’acqua e il popolo palestinese è l’unico ad essere costretto a comprare la propria acqua dagli israeliani, ovvero dal paese contro cui è in guerra. I palestinesi vorrebbero poter discutere la possibilità di privatizzare le risorse idriche poiché questo dibattito presupporrebbe per lo meno una possibilità di controllo delle risorse. I processi di desertificazione sono legati ai processi di contaminazione e all’utilizzo di tecnologie idriche in zone desertiche. I processi di privatizzazione dell’Europa settentrionale rendono evidente che le maggiori multinazionali sono francesi. La privatizzazione nel sud del Mediterraneo potrebbe essere evitata se l’acqua rimanesse un bene pubblico anche in Europa. É stata creata una mailing list composta da 150 persone e/o organizzazioni. esigenza di proseguire la campagna contro la privatizzazione delle risorse idriche, identificando l’acqua come un bene comune dell’umanità, da mantenere sotto controllo pubblico e partecipato. La campagna deve ricordare il bisogno di risorse idriche da parte dei palestinesi. La campagna deve dare vita a una comunità mediterranea dell’acqua che abbia come obiettivo (per il 2025) l’accesso generalizzato all’acqua per tutti gli abitanti della conca del Mediterraneo. 2006: riunione – 2ª assemblea del Mediterraneo su tematiche relative alla questione idrica (Mediterracqua). 8.2.7. “Esperienze di resistenza delle donne del Mediterraneo”

Relatori/trici previsti/e
- Rabia Abdelkrim (Algeria) - Dolores Juliano Tematiche principali: - I codici di famiglia. - Neoliberalismo “povertà” - Resistenza in tempo di guerra: Irak-Palestina
- Il diritto a disporre del proprio corpo.
- Il traffico di donne.
- Migrazioni.
8.2.8. Il libero scambio quale modello di sviluppo nella zona del Mediterraneo:
conseguenze e alternative
Relatori previsti
- Jean-Luc Cipière (Francia) - Dona de Catalogna Tematiche principali : - Area di libero scambio e progetto di società - Area di libero scambio e debito - Area di libero scambio e situazione dei lavoratori - Area di libero scambio e agricoltura
8.2.9.“Strategie per arrivare alla sovranità alimentare nell’area mediterranea”
Relatori previsti

8.3. Distribuzione delle attività secondo gli assi tematici
La distribuzione di questi seminari e laboratori secondo assi tematici è stata diseguale. Fra i
sette assi tematic i programmatici che costituivano il Forum, si distingue quello sui Diritti
economici, sociali e i modelli di sviluppo, il quale con un totale di 61 attività ha occupato quasi
un terzo dei seminari e dei laboratori.
Numero di attività per asse tematico
38
28
61
8
20
20
19
(De) democrazia e diritti umani : 38
(Co) Conflitti, militarismo e pace : 28
(Ec) Diritti economici, sociali e modelli sviluppo : 61
(Mi) Migrazioni : 8
(Di) Diversità culturale : 20
(So) Modelli di sviluppo. Sostenibilità : 20
(Mu) Donna: 19
Il secondo asse tematico con il maggior numero di attività è stato Democrazia e Diritti Umani,
mentre quasi la metà delle attività sono state distribuite nei cinque assi restanti:
Conflitti, militarismo e pace, Diversità culturale, Modelli di sviluppo e sostenibilità, Donna e
Migrazioni. Quest’ultimo è l’asse che ha registrato il minor numero di attività (8).
8.4. Organizzazioni promotrici di attività autogestite nel FSMed
Composizione delle organizzazioni per paese e nazione:
Albania 2
Algeria 5
Amazigh (Berebere) 2
Belgio 3
Bosnia 3
Brasile 4
Catalogna 96
Catalogna-Francia 1
Cipro 2
Colombia 1
Croazia 1
Danimarca 1
Egitto 4
Francia 30
Germania 1
Giordania 1
Gran Bretagna 1
Grecia 5
Israele 9
Israele-Palestina 3
Italia 47
Kurdistan 1
Libia 1
Maiorca 1
Mali 1
Malta 1
Marocco 28
Nigeria 1
Olanda 2
Paesi Baschi 3
Palestina 11
Portogallo 1
Repubblica Democratica del Congo 1
Sahara Occidentale 1
Serbia 1
Spagna 40
Tunisi 6
Turchia 4
Valenzia 2
Venezuela 2
+ 2 non classificati
15
reti (Confederazione Internazionale dei Sindacati Arabi, Consiglio per l’istruzione degli
adulti dell’America Latina, Consiglio Mondiale per la Pace, EURALAT, Euromovimenti, Eurosolar
Eurotopia, FAL, Forum UBUNTU - Forum Mondiale di Reti della Società Civile, ICAE, Marce
europee contro la disoccupazione, Rete Europea per il Diritto alla Salute, Vía Campesina, Rete
“Dos Orillas”)
Il totale delle organizzazioni che hanno proposto attività nel Forum, sia quelle che hanno
iscritto delle attività sia i partner/soci ammonta 347.
Come previsto, la delegazione catalana ha registrato il maggior numero di enti partecipanti.
Nonostante questo, fra tutte le organizzazioni oltre il 70% proviene da solamente cinque paesi:
Catalogna, Italia, Spagna, Francia e Marocco, in ordine decrescente.
Se vogliamo semplificare l’origine di tali organizzazioni in termini di grandi regioni, risalta il
grande numero già segnalato di organizzazioni provenienti dal nord del Mediterraneo, seguite a
poca distanza dalle regioni meridionale e orientale.
Dalla zona meridionale si nota la forte presenza di enti provenienti dal Marocco, di gran lunga
più numerosi rispetto a paesi come Tunisia, Algeria, Egitto o a rappresentanti di popolazioni
come il popolo Amazigh; per la parte orientale invece spicca la partecipazione di organizzazioni
palestinesi e israeliane. Risalta inoltre per la scarsa partecipazione la zona dei Balcani.
Regione
Frequenza
Percentuale (%)

Il FSMed presenta un carattere essenzialmente mediterraneo, così come si evince dal
contenuto della maggior parte delle attività svolte e dalla scarsa partecipazione di
organizzazioni esterne alla regione mediterranea.
8.5. Provenienza delle organizzazioni che hanno organizzato le attività
Totale seminari e laboratori svolti: 194
Attività svolte da una sola organizzazione: 43 (22,16% dei seminari e dei laboratori)
Attività svolte da più di un’organizzazione: 151 (77,84%)
Attività svolte da una sola organizzazione

Attività svolte da più di un’organizzazione

*Altre:
Rete + non mediterranee: 1
Rete + Nord + Est: 3
Rete + Nord + Sud + Est: 1
Non mediterranee + Nord + Sud: 4
Non mediterranee + Nord + Sud + Est: 1
8. 6. Elenco delle organizzazioni che hanno promosso attività autoconvocate
(seminari e laboratori) nel FSMed
Organizzazione

Paese / popolo
Asociación de Géografos Españoles (AGE) Asociación de Hombre para la Igualdad de Género (AHIGE) Association marocaine des droits humains (AMDH) Asociación de Donne de Medios de Comunicación (AMECO) Asociación Civil Estudiantes Organizados Para el Mundo Asociación Europea de Cooperación con Palestina (ASECOP) Associació Naturalista-Ecologista Comarcal associacion chouala education et la culture Association Marocaine des cheminots et des cheminots retraités association tunisienne des femmes démocratiques Campagna nazionale Italia – StopBolkestein Campagna nazionale Italia - StopBolkestein StopGats Campanya per la Sobirania Alimentària de la FCONGD Campagne Civile Internationale pour la Proteccion du Peuple Coordinadora Estatal de Asociaciones de Amistad con el Sáhara (CEAS-Sahara) Centre de Communication Sociale – AJIAL Centro Fedrico Caffè dell'Università di Roskilde Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL) Conféderation Internationale des Syndicats Arabe (CISA) Consejo de Educación de Adultos de América Latina (CEEAL) Consell Nacional de Joventut de Catalogna Cooperativa d'Iniciativa Social Doble Via Cristianisme i Justicia (Fundació Lluís Espinal) CUSC (Coordinadora Unitària Sindical de Catalogna) ECCP (Coordinadora de ONG europeas que trabajan por la cuestion El Observatorio Eurolatinoamericano de Democracia y Desarrollo FAJG (Foro de Asociaciones de Jóvenes Geógrafos) Federación de Asociaciones de SOS Racismo FIM (Fundación de Investigaciones Marxistas) Fòrum Ecologista de Síntesi Llibertària Fòrum UBUNTU - Fòrum Mundial de Xarxes de la Societat Civil Intersindical Alternativa de Catalogna (IAC) Israelei Committee Against House Demolitions (ICAHD) Institut de Govern i Polítiques Públiques (IGOP) Ittijah (Union of the Arab Community Based Organisations) LIBERO POR LA LINGVOJ/LIBERTÉ POUR LES LANGUES Mossawa Center - The Advocacy Center for the Arab Citizens in Israele Movimento Nacional em Defesa da Língua Portuguesa Observatori del Deute en la Globalització Observatorio de la Deuda en la Globalización Plataforma per l'A llibera ment i la Sobiranbia de l'Iraq (PASI) Plataforma Defensa Serveis Públics i contra l'AGCS Réseau Euromed de Confrontation et d'Études Prospectives Sud Travail, Innovation et Droits Sociaux (RECEPTIS) Rete de semillas "Resembrando e Intercambiando" Réseau National Dette et Developpement (RNDD) Réseau Semences paysannes "Biodiversité des semences et plants dans les fermes" Rete del Nuovo Municipio Ricercacentro Fernand Breaudel dell'università di Catania Sant Cugat amb el Poble Saharaui (SCAPS) Tamaia. Associació de dones contra la violència familiar Taula Comarcal de Cooperació i Solidaritat The highest national committee for the right of return (sana'od) Unión Nacional de Donne Saharuis (UNMS) Union of Health and Care Committes (UHCC) Universitat Internacional per la Pau de Sant Cugat del Vallès Yesh Gvul - Israelei group of refuser soldiers
8.7. Distribuzione dei relatori delle attività autoconvocate del FSMed
Totale seminari e laboratori svolti: 194
Attività con dati sui relatori: 150
Attività senza dati sui relatori: 44

Distribuzione relatori per sesso


Distribuzione relatori per regione


9. Documentazione sul FSMed
9.1. Documentazione grafica

Durante il Forum abbiamo lavorato alla raccolta del materiale da inserire nella documentazione
grafica. Abbiamo a disposizione più di 30 ore di videoregistrazione, contenenti riunioni,
seminari e workshop, così come interviste a un gran numero di delegati. Inoltre, possiamo
contare su un archivio di più di 3000 fotografie.
9.2. Documentazione scritta
Nello spazio dei murales di proposte installato nell’area del Forum durante lo svolgimento del
FsMed, sono state realizzate 26 proposte differenti che molto presto saranno pubblicate sulla
pagina Web http://www.memoria-viva.org/fsmed.
L’ufficio tecnico ha inviato una e-mail a tutte quelle organizzazioni e quei movimenti sociali che
avevano proposto delle attività con il fine di richiedere la loro collaborazione con lo stesso
archivio utilizzato durante il FSMed. Queste proposte possono essere inviate all’indirizzo
propostes-fsmed@memoria-viva.org.
10. Comunicazione

La presenza di mezzi di comunicazione nazionali e internazionali è stata piuttosto rilevante. È
stato registrato un totale di 312 giornalisti, la maggior parte dei quali europei, seguiti da
giornalisti provenienti dall’America Latina e da un numero inferiore di giornalisti del Magreb. Il
grafico che segue mostra la distribuzione della provenienza geografica dei giornalisti.
GIORNALISTI REGISTRATI PER REGIONI DI PROVENIENZA I due grafici seguenti mostrano la distribuzione geografica dei giornalisti che hanno coperto il FSMed provenienti dai paesi dell’Europa e dell’America Latina. GIORNALISTI PROVENIENTI DA STATI EUROPEI
GIORNALISTI PROVENIENTI DA PAESI DELL’AMERICA LATINA
Nella tabella che segue si riassume in cifre assolute la quantità di giornalisti registrati, suddivisi per regioni del mondo e per paesi. La lista dei mezzi di comunicazione che hanno coperto l’avvenimento è molto lunga, come si può vedere dalla tabella successiva, dove si elencano praticamente tutti i mezzi presenti nei giorni dell’evento, ai quali bisogna aggiungere un numero considerevole di giornalisti freelance che hanno coperto il FSMed per conto di numerosi mezzi internazionali. (I dati dell’elenco sono stati ottenuti dal database delle registrazioni, ma alcuni giornalisti nella registrazione non hanno comunicato il mezzo di comunicazione per il quale lavoravano, ragio n per cui la lista è in realtà più ampia di quanto riportato). Asamblea para la Comunicación Social (ACS) Canal Solidari-OneWorld Catalogna Don Bosco Diari de la Fundaciò Esplai Catalogna Palma Revista mensual de la CGT Catalogna RTV LAAYOUNE Marocco Nel caso dei mezzi di comunicazione catalani, la copertura del FSMed è stata piuttosto ampia: l’evento è stato riportato sia dalla stampa che dalle emittenti radiofoniche e televisive. Per quanto riguarda le emittenti radiofoniche e televisive, in questo momento si stanno ancora ottenendo informazioni sulle notizie trasmesse nei notiziari e nei vari programmi, perciò non possiamo ancora offrire un rapporto sulle notizie trasmesse da questi mezzi. A giudicare dalle informazioni fornite ai giornalisti delle emittenti radiofoniche e televisive, si può dire che durante i tre giorni l’avvenimento è stato seguito ampiamente e sappiamo che TV3, BTV e TV2 ne hanno parlato nei propri telegiornali. Qui di seguito presentiamo un riassunto del rapporto delle notizie trasmesse sui principali quotidiani catalani che mostra la grande portata della copertura del FSMed da parte dei mezzi di comunicazione. NOTIZIE DEL FSMed NEI PRINCIPALI QUOTIDIANI CATALANI
16 Giugno
17 Giugno
18 Giugno
19 Giugno 20
* Giorno successivo alla conferenza stampa sulla presentazione del FSMed ai mezzi di comunicazione
(Attualmente è in corso l’elaborazione del rapporto delle notizie trasmesse dal totale dei mezzi
di comunicazione, che verrà ultimato nei prossimi mesi.)
11. Cultura


I compiti della Commissione cultura sono stati i seguenti:
-
Coordinamento generale di tutte le attività culturali del FSMED. Gestione della programmazione e della produzione artistica (concerti, spettacoli di strada, proiezioni, mostre) del FSMED. Gestione del viaggio degli artisti e dei permessi, in collaborazione con l’ufficio tecnico. Gestione del servizio di catering per gli artisti, i volontari e i tecnici. Gestione della comunicazione e diffusione delle attività artistiche. Supervisione e appoggio delle attività del Pre-FSMED di Barcellona.
11. 1. Documentazione tecnica del PRE-FSMED

1) Obiettivo generale

Le attività del Pre-FSMED sono state pensate principalmente per diffondere il processo del
FSMED a livello locale e avvicinarlo ad altri spazi presenti a Barcellona attraverso la
presentazione di attività culturali e di proposte di sensibilizzazione sulle tematiche sociali del
FSMED.

- Sono state realizzate due attività:
- Inaugurazione della Mostra audiovisiva Hagamos del mundo la tierra de todos (Facciamo del
mondo la terra di tutti)
, organizzata da Manos Unidas con la collaborazione di Justicia y Paz,
Caritas e Vols. La mostra ha avuto luogo nella stazione ferroviaria di Sants dal 14 giugno fino
alla fine del FSMED.
- Pre-FSMED nel centro storico di Barcellona: coordinato da RAI (Recursos de Animación
Intercultural) con la collaborazione dell’Antic Teatre, Red de Consumo Solidario, Red de Enlace
con Palestina, Ecoconcern, Centro de Cultura de Mujeres Francesca BonneMaison con il motto
Piensa global, actúa local (Pensa globalmente, agisci localmente). Presentazione del Festival
Interculturale di Mostar a Barcellona
(14- 15 giugno).
L’ obiettivo di quest’attività è stato:
- presentare il Festival Interculturale di Mostar (Bosnia Erzegovina) come progetto comune
della rete locale e internazionale e come progetto chiave nel quadro del FSMED.
- Presentare il Festival Intercultura le di Mostar come esempio di trasformazione dei conflitti
grazie alla realizzazione di attività culturali e artistiche, che forniscono uno spazio d’incontro e
di promozione dello scambio e del dialogo interculturale.
- Costituire una rete a livello di quartiere con vari enti che lavorano nel sociale, presentando
attività creative e artistiche di trasformazione e di sensibilizzazione.
2) Spazi Pre-Forum

-
Stazione Sants: Mostra Hagamos del mundo la tierra de todos di Manos Unidas. Plaza Pou de la Figuera (“Agujero de la Vergüenza”): Punto d’informazione + mensa popolare + concerti + spettacoli. Calle Allada Vermell: Piccoli spettacoli + workshop + lettura di poesie. Sedi di organizzazioni all’interno della rete del Pre-FSMED che hanno collaborato al progetto Piensa global, actúa local e che sono state anche Spazi di Pre-Forum. RAI (Recursos de animación intercultural), c/ Carders, 12 pral: punto d’informazione e di esposizione sul Festival Interculturale di Mostar, sul FSMED e sul Pre-FSMED. L’Antic Teatre, c/Verdaguer i Callís,12: spettacoli di teatro + concerti. Ecoconcern, C/ Mare de Déu del Pilar, 15: Mostra. Centro de Cultura de Mujeres Francesca Bonnemaison, C/St. Pere més Baix, 7 2° piano: mostra + concerti coordinati dall’associazione Marxa de Dones. Red de Consumo Solidario, c/Plaça Sant Agustí Vell, 15: Mostra. Red de Enlace con Palestina, Ptge del Crèdit. 7 pral: Mostra. Gothic Point, c/ Vigatans, 5: alloggi solidali per artisti + mostre + cinema + punto d’informazione + workshop
3) CONCERTI

GRUPPO
Gruppo di Barcellona con 8 membri d’origine francese, catalana, cubana, rumena, italiana e portoghese Gruppo de Barcellona con 6 membri d’origine francese, italiana e israeliana membri d’origine messicana, colombiana e basca Gruppo di Barcellona con 6 membri di vari paesi

4) PERFORMANCE E SPETTACOLI

GRUPPO
NY beograd, DDT beograd Serbia Montenegro Dance in three, Pop troop Bosnia Erzegovina Prejudjment day, Milica Serbia Montenegro Ruzicic The application for Serbia Montenegro Schengen visa, di Marija Krstic e Bojan Dimitrejevic La opera encandilada: Catalogna/Argentina
5) SPETTACOLI DI STRADA E WORKSHOP

GRUPPO

6) MOSTRE

GRUPPO
Plastico della ricostruzione Bosnia Erzegovina intercultural en Mostar y el proceso Abrasevic” Migrations Mostra fotografica del Bosnia Erzegovina Festival Interculturale di Mostar Mostra Vladimir Mickovic dignitat sota setge” (“Palestina, la dignità sotto assedio”) Mostra “Dones en Lluita Catalogna altro mondo possibile”) Mostra “Sobirania Catalogna alimentària al Mediterrani” (“Sovranità alimentare nel Mediterraneo”) TOTALE Mostre= 10
TOTALE ARTISTI INVITATI/ATTIVITÀ = 114 persone/attività
11.2 RELAZIONE TECNICA DEL FSMED DELLA COMMISSIONE CULTURA

1) Lavori della Commissione Cultura all’interno del FSMED

Sottolineare la rilevanza degli aspetti culturali all’interno dell’agenda locale e internazionale del FSMED, intendendo la cultura come elemento di comunicazione, di scambio e di rappresentatività dei popoli e, pertanto, della diversità del Mediterraneo. Un elemento essenziale per dare vita a un Social Forum più dinamico, invitando la gente alla partecipazione (e specialmente i giovani, che sono un collettivo essenziale per un Social Forum). Creare una strategia di diffusione e di comunicazione per reclutare artisti e sensibilizzarli all’evento. Stabilire una metodologia sistematica di lavoro e mettere a punto i processi di lavoro specifici per velocizzare i lavori. Intensa collaborazio ne con la Commissione Logistica per la gestione degli spazi, i finanziamenti, le risorse e le attrezzature necessarie. Attività con un’équipe di tecnici che hanno realizzato i lavori di consulenza e la produzione tecnica degli eventi artistici. Supervisione e ripartizione delle attività ai responsabili dei diversi settori (produzione, concerti, coordinamento e logistica, esposizioni, cinema, spettacoli di strada e poesia). Produzione degli spettacoli e del lavoro logistico. Creazione di un portafoglio di litografie, donate da pittori famosi, per la vendita e i cui proventi saranno donati al FSMED. Coordinamento di una delle nove conferenze su Diversità Culturale e Dialogo Transculturale. 2) Gestione della programmazione

I lavori della Commissione Cultura si sono suddivisi in due importanti fasi di lavoro:
1ª fase: lavori di sensibilizzazione, ricerca degli artisti e pianificazione. 2ª fase: lavori di negoziazione e produzione degli eventi.
2.1) 1ª fase
La programmazione del FSMED si è alla fine adattata alla capacità degli spazi, alle risorse e ai limiti tecnici. I criteri di selezione seguiti e stabiliti all’interno della Commissione Internazionale Cultura dell’Assemblea preparatoria di Istambul sono stati: - rispetto dei criteri generali del FSMED (equilibrio nord-sud, est-ovest, parità dei generi, rappresentatività dei popoli e delle nazioni…). - impegno sociale da parte degli artisti. - collaborazione solidale degli artisti. - presenza sia di artisti affermati sia non affermati. In questa prima fase è stato fatto un appello internazionale (lanciato subito dopo la Assemblea di Marsiglia) a tutti gli artisti, amatori e attivisti, invitandoli a compilare un foglio di iscrizione, pubblicato sul web in tutte le lingue, e divulgato attraverso le reti locali e internazionali. È stato anche chiesto a tutti gli interessati di fornire più informazioni possibili, sia grafiche che visive, su concrete proposte artistiche, in modo da poterle selezionare con maggiore criterio (fax, posta, posta elettronica, mp3…). Si crea un indirizzo di posta elettronica della Commissione Cultura fsmed_cultura@fsmed.info , e si fissa la sede presso l’entità RAI c/Carders, 12 ppal, dove sono state coordinate tutte le attività. Sono state inoltre centralizzate le proposte dei ponenti della Commissione Cultura e le proposte del seminario su questo ambito culturale. La prima scadenza per l’invio delle proposte artistiche è inizialmente stabilita per il 1 maggio, successivamente prorogata al 10 maggio (il 13 è terminata la possibilità di iscriversi attraverso il web). In totale l’appello è stato inviato agli artisti cinque volte. Si stabilisce un giorno per la selezione internazionale delle proposte artistiche a Barcellona (il 5 maggio) prima dell’Incontro dell’Assemblea Internazionale. In questa riunione sono stati poi stabiliti dei criteri finali per la selezione di progetti e si sono prese una serie di misure: I quattro criteri di primo ordine necessari a valutare i progetti sono: - diversità nella rappresentatività dei paesi e dei popoli, dando pertanto la priorità ai paesi del sud, tenendo conto che ci sono meno proposte provenienti da quell’area. - carattere solidale dello spettacolo o dell’attività. - rappresentatività del Mediterraneo. - concordanza con gli obiettivi del FSMED e con i nove ambiti tematici. I due criteri di secondo ordine sono stati: - aspetti tecnici e logistici della proposta concreta. - qualità artistica (per i paesi del nord questo è stato un requisito di primo ordine tenendo conto della quantità di proposte ricevute). Criteri per assegnare la priorità in termini di finanziamento: Si darà la priorità al pagamento dello spostamento per gli spettacoli provenienti dal sud. Tra gli spettacoli provenienti da sud aventi le spese di viaggio coperte, si darà priorità agli spettacoli con allestimento consistente. Una volta coperte le spese per gli spostamenti degli spettacoli di musica, teatro o danza provenienti dal sud, si cercherà di coprire le spese di spostamento per una persona in caso di progetti di esposizione, documentario o film. Si darà la priorità agli spettacoli di strada se sono locali, o se provengono da fuori ma che non generano costi. 2.2.) 2ª fase
Una volta scelti i progetti, si è dovuto riassettare i requisiti tecnici e il tempo disponibile e, pertanto, la programmazione è stata nuovamente variata tenendo conto delle capacità tecniche, dei ryders, degli orari di suond check, del montaggio e dello smontaggio, dei cambi di backline e, infine, delle limitazioni orarie della Fiera di Barcellona. 3.1) Totale proposte e attività artistiche

Totale proposte ricevute entro la scadenza del 13 maggio: 147
Totale delle attività presentate al FSMED: 65
Distribuzione delle proposte per regione:
Totale proposte dal nord del Mediterraneo: 86
Totale proposte dal sud del Mediterraneo: 32
Totale proposte dall’est del Mediterraneo: 21
Totale proposte da altre regioni: 8

Totale attività presentate nel nord del Mediterraneo: 36
Totale attività presentate nel sud del Mediterraneo: 16
Totale attività presentate nell’est del Mediterraneo: 12
Totale attività presentate in altre regioni: 1

3.2) Totale proposte e attività presentate per settore

3.2.1) Concerti

Totale proposte per concerti: 39
Totale dei concerti presentati: 15 (10 nord/3 sud/2 est)
Distribuzione proposte di concerti per regione:
Totale proposte di concerti dal nord del Mediterraneo: 23
Totale proposte di concerti dal sud del Mediterraneo: 10
Totale proposte di concerti dall’est del Mediterraneo: 5
Totale proposte di concerti da altre regioni: 1
3.2.2) Teatro e spettacoli

Totale proposte di teatro e spettacoli: 18
Totale delle rappresentazioni teatrale e degli spettacoli: 2 (1 nord, 1 sud)
Distribuzione proposte per regione:
Totale proposte di teatro e spettacoli dal nord del Mediterraneo: 9
Totale proposte di teatro e spettacoli dal sud del Mediterraneo: 4
Totale proposte di teatro e spettacoli dall’est del Mediterraneo: 4
Totale proposte di teatro e spettacoli da altre regioni: 1
3.2.3) Laboratori e spettacoli di strada

Totale proposte di laboratori e spettacoli di strada: 12
Totale laboratori e spettacoli di strada presentati: 6 (3 nord, 2 est, 1 altre regioni)
Totale proposte per regione:
Totale proposte di laboratori e spettacoli di strada dal nord del Mediterraneo: 9
Totale proposte di laboratori e spettacoli di strada dal sud del Mediterraneo: 0
Totale proposte di laboratori e spettacoli di strada dall’est del Mediterraneo: 2
Totale proposte di laboratori e spettacoli di strada da altre regioni: 1
3.2.4) Cinema e documentari

Totale proposte di cinema e documentari: 30
Totale pellicole e documentari presentati: 25 (9 nord, 10 sud, 6 est)
Distribuzione delle proposte per regione:
Totale proposte di cinema e documentari dal nord del Mediterraneo: 15
Totale proposte di cinema e documentari dal sud del Mediterraneo: 9
Totale proposte di cinema e documentari dall’est del Mediterraneo: 6
Totale proposte di cinema e documentari da altre regioni: 0
3.2.5) Esposizioni ed installazioni

Totale proposte di esposizioni e installazioni: 36
Totale esposizioni presentate: 15 (12 nord, 2 sud, 2 est). Una è stata realizzata in
collaborazione tra nord e sud.
Distribuzione delle proposte per regione:
Totale proposte di esposizioni dal nord del Mediterraneo: 23
Totale proposte di esposizioni dal sud del Mediterraneo: 7
Totale proposte di esposizioni dall’est del Mediterraneo: 3
Totale proposte di esposizioni da altre regioni: 3
3.2.6) Letture di poesia

Totale proposte di letture di poesia: 7
Totale di letture di poesia: 1 proposta con diversi attori e poeti catalani selezionati
Distribuzione delle proposte di letture di poesia:
Totale proposte di poesia dal nord del Mediterraneo: 4
Totale proposte di poesia dal sud del Mediterraneo: 1
Totale proposte di poesia dall’est del Mediterraneo: 1
Totale proposte di poesia da altre regioni: 1
3.2.7) Altre proposte artistiche

Totale altre proposte artistiche: 8
5 (non sono state prese in considerazione per difficoltà tecniche)
Totale altre proposte artistiche dal nord del Mediterraneo: 3
Totale altre proposte artistiche dal sud del Mediterraneo: 1
Totale altre proposte artistiche dall’est del Mediterraneo: 0
Totale altre proposte artistiche da altre regioni: 1
4) Programmazione artistica definitiva di Plaza del Universo

Giovedì 16

19:00
BILAL MUSIC DEL RIF (MAROCCO) – 1 PERSONA ROSA BAROY I EL TÍO CARLOS (CATALUÑA) – 6 PERSONE RAGEOUS GRATOONS (FRANCIA) – 16 PERSONE Numero totale delle persone = 40 Venerdì 17 18:30 GUYLAINE RENAUD y ZOHRA LAJNEFF (FRANCIA / TUNISIA) – 3 PERSONE ZOSTER (BOSNIA-HERZEGOVINA) – 7 PERSONE JAFRA FOR PALESTINIAN CULTURE (PALESTINA) – 16 PERSONE Numero totale delle persone = 56 Sabato 18 20:45 ALIF SOUND SYSTEM (FRANCIA) – 7 PERSONE
Numero totale delle persone su palco grande = 47
Spettacoli di strada:
-Batukarai, 11 persone (Cataluña)
-Batucada de Mataró, 10 persone (Cataluña)
-“Prejudgment Day”, Milica Ruzicic (Serbia-Montenegro)
-“Value” , Ervin Babic (Bosnia-Herzegovina)
-“Dance in tree”, Pop Troop, 4 persone (Bosnia-Herzegovina)
-Taller de Capoeira, Grilo, 2 persone (Cataluña-Brasile)
-NY Beograd, DDT Beograd, 4 persone (Serbia-Montenegro)
Totale persone su palco grande: 143 persone i giorni 16/17/18 giugno
+ spettacoli di strada: 33 persone
Numero totale di artisti al FSMED tra concerti e spettacoli in Plaza del Universo: 176 persone
5) Programmazione di cineforum

Giovedì 16

Documentario
Dibattito

Film/Docum
Dibattito
Jacob Munkberg DJ WattsRiot Luca Gervasoni, Antoni Sabato 18 Film / Document Regista Invitati: 8 persone ( 2 NORd/ 1SUD/ 5 EST) ? BOSNIA-ERZEGOVINA - 2 invitati ? ? FRANCIA -
6) Recita della Poesia

Poesie Proposte 6 + contatto con 12 attori e poeti catalani
Venerdì 16 alle 18/h 30 è stata letta una poesia nella sala del cinema e delle proiezioni.
Titolo: Poesia del Mediterraneo
Finalmente si è potuto contare sulla presenza di attori e poeti catalani come Carme Sansa,
Jaume Comas, Alfred Lucchetti e Antoni Lucchetti.
7) Programación de Exposiciones
Maresme con a, Sahara nel Sahara cittadinanza, occupazioni militari, militarismo e pace Ana Adamovic Serbia e Senza le Diversità Un’ illlusione Salute visiva e Installazio
8) Gestione Logistica delle attività culturali

Trasporto
- Sono state pagate le spese di trasporto degli artisti invitati. Per ridurre i costi, si é optato per
il trasporto in autobus sia da Marruecos, sia dai Balcani.
- Sono stati affittati 2 autobus per il trasporto interno degli artisti e del loro materiale.
Visti - I visti sono stati gestiti dall’ ufficio tecnico, che si é occupato di trasmetterli, e dalla Comissione Culturale, che si é occupata di trasmettere le informazioni riguardanti i documenti necessari. Alloggio - Gli artisti hanno alloggiato in 4 alberghi diversi e nelle palestre. L’ alloggio è stato fornito agli artisti dei Paesi del Sud, dell’ Est e di quei gruppi che hanno fatto dei concerti sul grande palcoscenico. Catering - E’ stato offerto un servizio di catering per gli artisti che hanno recitato sul palcoscenico. - Gli artisti ne hanno usufruito il giorno in cui hanno recitato. -Un servizio di catering permanente è stato offerto ai i tecnici e alla squadra della produzione. Comunicazione e diffusione La diffusione degli avvenimenti artistici è stata realizata tramite la stampa di 1000 volantini per la programazione culturale. - Sono state inviate e-mail di diffusione attraverso varie reti di contatto - La programazione artistica è stata adattata alla programmazione generale del FSMED. Volontari Sono state realizzate 4 riunioni preparatorie con i volontari del gruppo cultura del FSMED e sono stati assegnati compiti concreti, oltre ai compiti dei responsabili di ciascuna area che a loro volta erano voluntari. - Cinema: 1 responsabile + 2 volontari - Esposizioni: 1 responsabile + 4 volontari - Concerti: 3 responsabili di produzione + 4 volontari per la vigilanza e il catering. - Spettacoli di strada: 1 responsabile - Trasporti Interni: 2 volontari - Coordinazione generale: 2 volontari Totale dei volontari per la Cultura: 20 persone 9) Brouchure delle Litografie dei pittori

- E’ stata coordinata la creazione di una brouchure di litografie di pitture sia per essere
vendute durante l’ FSMED sia per l’apporto solidale dato all’ FSMED.
Questa brouchure è stata realizzata grazie alle donazioni di pittori riconosciuti come contributo
all’avvenimento, avendo fatto una tiratura di circa 150 brouchure in tutto.
I pittori che hanno collaborato sono stati:

ALLEGATI
1. MANIFESTO DELL’ ASSEMBLEA DELLE DONNE (Barcellona, 17

Giugno 2005)

Le donne del Mediterraneo sono oggetto dI violenze, sono vittime del traffico sulle donne,
vittime delle guerre e delle continue violazioni dei diritti umani.
Le donne del Mediterraneo subiscono una tripla dominazione: quella
patriarcale, quella del neoliberalismo e quella del fondamentalismo. Queste dominazioni si sostengono e si auto-alimentano mantenendo le donne in condizioni d’inferiorita’ dei diritti rispetto agli uomini. Il Mediterraneo oggi é un luogo di guerre. Queste generano violenza, violazioni, omicidi, incarceramenti arbitrari e condizioni di vita inaccettabili, in particolare per le donne. Alcune donne del sud del Mediterraneo non hanno potuto prendere parte a questo forum perché non hanno potuto ottenere il visto. Per questo motivo sollecitiamo la libera circolazione nell’area Mediterranea affinché possa diventare un elemento centrale nella lotta dei movimenti sociali del’ FSMed. Noi, riunite nell’ assemblea femminile del primo FSMED, venute da tutti gli La militarizzazione della regione, i progetti neocoloniali per il controllo delle La continua violazione dei nostri diritti umani e le violenze contro le donne L’ incremento del fondamentalismo e le correnti politiche che negano o L’ esistenza dei Codici sulla famiglia che rendono istituzionale l’ inferiorità delle donne e la sua applicazione in alcuni paesi d’ Europa a cominciare dagli accordi bilaterali esistenti. La persistenza dei cosidetti crimini d’ onore. La mercantilizzazione dei nostri corpi e l’ esistenza di reti di traffico di donne L’ impoverimento e la precarietà delle nostre vite, l’ assenza o la violazione dei nostri diritti sociali, la mancanza di istruzione e accesso al servizio La legge del mercato, il neoliberalismo che rende precario e nega i nostri La costruzione di un’ Europa fortificata che nega i diritti economici, sociali, politici e culturali alle donne emigrate. Le negoziazioni dell’ Europa con i partiti islamici inclusi i cosidetti moderati. La persecuzione delle donne a causa delle loro tendenze sessuali. Il riconoscimento e il supporto dei movimenti sociali alla resistenza e alla lotta delle donne contro i fondamentalisti che negano il nostro diritto di uguaglianza. Ai governi e agli organismi internazionali l’ imediata applicazione senza restrizioni di tutte le leggi che riguardano i diritti delle donne. La libera circolazione e installazione delle donne in tutto il Mediterraneo. Il diritto di vivire in società democratiche e laiche La concessione dell’ asilo politico alle donne vittime della violenza sessista. Le donne irachene che resistono all’ occupazione imperialista degli USA e dei suoi alleati. Alle donne palestinesi e israeliane che lavorano insieme per risolvere il conflitto e che sono contro l’ occupazione dei territori. A tutte le donne che sono implicate nei processi in aree di conflitto armato che lottano per i diritti culturali e contro l’ opressione degli stati. Alle donne che lottano contro i codici delle famiglie patriarcali Alle donne che lottano per il diritto di decidire la propria sessualità e per il diritto all’ aborto libero e gratuito. PER CONTINUARE IL LAVORO CHE ABBIAMO INIZIATO IN QUESTO FORUM, PER COMUNICARE TRA DI NOI AFFINCHE’ LA SOLIDARIETA’ SIA EFFETTIVA NELL’AREA DEL MEDITERRANEO. La creazione di un sito web per continuare i nostri dibbattiti e per coordinare le nostre lotte. Una giornata di azione globale contro le violenze verso la donna il 25 di novembre ogni anno. Nel 2005 questa giornata sarà istituita per dare appoggio alle donne irachene imprigionate arbitrariamente. Chiediamo la loro immediata liberazione. Noi donne del Mediterraneo, vogliamo e lottiamo per un Mediterraneo senza guerre, desmilitarizata, senza violenze, con diritti sociali, democratici e con

Source: http://www.fsmed.info/it/memoriaI-it.pdf

Microsoft word - die_wahrheit_ueber_vogelgrippe.doc

Keine Panik - Die Wahrheit über Vogelgrippe, H5N1, Impfen und AIDS Christopher Ray * Kommentar und Interview 27.10.2005 Wer das Herumdoktern an Symptomen beobachtet, wie es gerade während der laufenden Koalitionsverhandlungen praktiziert wird, der kann die Verlautbarungen der Politiker und ihrer Handlanger nicht mehr ernst nehmen. Oder glauben Sie etwa daran, dass man mit weiteren Kürz

Bull_301.june 1.doc

PLEASE POST, DISTRIBUTE The Consumer/Survivor Information Resource Centre Distributed through generous support from Queen Street Division of CAMH (Centre for Addiction & Mental Health) BULLETIN Information for consumer/survivors of the mental health system, those who serve us, and those who care about us. June 1st 2005 Bulletin 301 C/S INFO CENTR

Copyright © 2010-2014 PDF pharmacy articles