Official internet pharmacy in Sydney where you can buy propecia australia online. Para compra levitra puede ser visto como un desafío. Aumenta Smomenta, y todos los que se poco a poco abrumado, como es lógico, cada vez más hombres están diagnosticados con disfunción eréctil.

Relazione tecnica

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA TORRE ALLEGRA A CENTRO
POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O OASI DEL SIMETO
Indice
N. ELABORATO
DESCRIZIONE
NOME FILE
RELAZIONE SPECIALISTICA PROTEZIONE FULMINI CORPO C Dic. 2011
PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA TORRE ALLEGRA A CENTRO
POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O OASI DEL SIMETO
1. PREMESSA
Questo documento contiene: - la relazione sulla valutazione dei rischi dovuti al fulmine; - il progetto di massima delle misure di protezione da adottare ove necessarie. 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO
Questo documento è stato elaborato con riferimento alle seguenti norme CEI: - CEI EN 62305-1: "Protezione delle strutture contro i fulmini. Parte 1: Principi - CEI EN 62305-2: "Protezione delle strutture contro i fulmini. Parte 2: Gestione del rischio" Marzo 2006; - CEI EN 62305-3: "Protezione delle strutture contro i fulmini. Parte 3: Danno fisico e pericolo di vita" Marzo 2006; - CEI EN 62305-4: "Protezione delle strutture contro i fulmini. Parte 4: Impianti elettrici ed elettronici interni alle strutture" Marzo 2006; - CEI 81-3 : "Valori medi del numero dei fulmini a terra per anno e per kilometro quadrato dei Comuni d'Italia, in ordine alfabetico." Maggio 1999; 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE
L 'individuazione della struttura da proteggere è essenziale per definire le dimensioni e le caratteristiche da utilizzare per la valutazione dell'area di raccolta. La struttura che si vuole proteggere coincide con un intero edificio a sé stante, fisicamente separato da altre costruzioni. Pertanto, ai sensi dell'art. A.2.1.2 della Norma CEI EN 62305-2, le dimensioni e le caratteristiche della struttura da considerare sono quelle dell'edificio stesso. N. ELABORATO
DESCRIZIONE
NOME FILE
RELAZIONE SPECIALISTICA PROTEZIONE FULMINI CORPO C Dic. 2011
PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA TORRE ALLEGRA A CENTRO
POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O OASI DEL SIMETO
4. DATI INIZIALI
4.1 Densità annua di fulmini a terra
Come rilevabile dalla Norma CEI 81-3, la densità annua di fulmini a terra per kilometro quadrato nel comune di CATANIA in cui è ubicata la struttura vale : 4.2 Dati relativi alla struttura
Le dimensioni massime della struttura sono: A (m): 4,5 B (m): 4,5 H (m): 8 Hmax (m): 8 La destinazione d'uso prevalente della struttura è: altro In relazione anche alla sua destinazione d’uso, la struttura può essere soggetta a: - perdita di vite umane - perdite economiche In accordo con la Norma CEI EN 62305-2 per valutare la necessità della protezione contro il fulmine, deve pertanto essere calcolato : - rischio R1; Le valutazioni di natura economica, volte ad accertare la convenienza dell’adozione delle misure di protezione, non sono state condotte perché espressamente non richieste dal Committente. N. ELABORATO
DESCRIZIONE
NOME FILE
RELAZIONE SPECIALISTICA PROTEZIONE FULMINI CORPO C Dic. 2011
PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA TORRE ALLEGRA A CENTRO
POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O OASI DEL SIMETO
4.3 Dati relativi alle linee elettriche esterne
La struttura è servita dalle seguenti linee elettriche: - Linea di energia: ENERGIA Le caratteristiche delle linee elettriche sono riportate nell'Appendice Caratteristiche delle linee elettriche. 4.4 Definizione e caratteristiche delle zone
Tenuto conto di: - compartimenti antincendio esistenti e/o che sarebbe opportuno realizzare; - eventuali locali già protetti (e/o che sarebbe opportuno proteggere specificamente) contro il LEMP (impulso elettromagnetico); - i tipi di superficie del suolo all'esterno della struttura, i tipi di pavimentazione interni ad essa e l'eventuale presenza di persone; - le altre caratteristiche della struttura e, in particolare il lay-out degli impianti interni e le misure di protezione esistenti; sono state definite le seguenti zone: Z1: INTERNA Z2: ESTERNA Le caratteristiche delle zone, i valori medi delle perdite, i tipi di rischio presenti e le relative componenti sono riportate nell'Appendice Caratteristiche delle Zone. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E
DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

L'area di raccolta Ad dei fulmini diretti sulla struttura è stata valutata
analiticamente come indicato nella Norma CEI EN 62305-2, art.A.2.
N. ELABORATO
DESCRIZIONE
NOME FILE
RELAZIONE SPECIALISTICA PROTEZIONE FULMINI CORPO C Dic. 2011
PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA TORRE ALLEGRA A CENTRO
POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O OASI DEL SIMETO
L'area di raccolta Am dei fulmini a terra vicino alla struttura, che ne possono danneggiare gli impianti interni per sovratensioni indotte, è stata valutata analiticamente come indicato nella Norma CEI EN 62305-2, art.A.3. Le aree di raccolta Al e Ai di ciascuna linea elettrica esterna sono state valutate analiticamente come indicato nella Norma CEI EN 62305-2, art.A.4. I valori delle aree di raccolta (A) e i relativi numeri di eventi pericolosi all’anno (N) sono riportati nell'Appendice Aree di raccolta e numero annuo di eventi pericolosi. I valori delle probabilità di danno (P) per il calcolo delle varie componenti di rischio considerate sono riportate nell'Appendice Valori delle probabilità P per la struttura non protetta. VALUTAZIONE DEI RISCHI
6.1 Rischio R1: perdita di vite umane

6.1.1 Calcolo del rischio R1
I valori delle componenti ed il valore del rischio R1 sono di seguito indicati.
Z1: INTERNA
RB: 0,00E+00
RU(ELETTRICO): 2,18E-07 (=2,18-07)
RV(ELETTRICO): 0,00E+00
Totale: 2,18E-07
Z2: ESTERNA
RA: 2,12E-06
Totale: 2,12E-06
Valore totale del rischio R1 per la struttura: 2,34E-06
6.1.2 Analisi del rischio R1

Il rischio complessivo R1 = 2,34E-06 è inferiore a quello tollerato RT = 1E-05
7. SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE
N. ELABORATO
DESCRIZIONE
NOME FILE
RELAZIONE SPECIALISTICA PROTEZIONE FULMINI CORPO C Dic. 2011
PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA TORRE ALLEGRA A CENTRO
POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O OASI DEL SIMETO
Poiché il rischio complessivo R1 = 2,34E-06 è inferiore a quello tollerato RT = 1E-05 , non occorre adottare alcuna misura di protezione per ridurlo. CONCLUSIONI

Rischi che non superano il valore tollerabile: R1
SECONDO LA NORMA CEI EN 62305-2 LA STRUTTURA E' PROTETTA
CONTRO LE FULMINAZIONI
.
In forza della legge 1/3/1968 n.186 che individua nelle Norme CEI la regola
dell'arte, si può ritenere assolto ogni obbligo giuridico, anche specifico, che richieda la protezione contro le scariche atmosferiche. N. ELABORATO
DESCRIZIONE
NOME FILE
RELAZIONE SPECIALISTICA PROTEZIONE FULMINI CORPO C Dic. 2011
PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA TORRE ALLEGRA A CENTRO
POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O OASI DEL SIMETO
APPENDICI

APPENDICE - Caratteristiche della struttura
Dimensioni: A (m): 4,5 B (m): 4,5 H (m): 8 Hmax (m): 8 Coefficiente di posizione: in area con oggetti di altezza uguale o inferiore (Cd = 0,5) Densità di fulmini a terra (1/km² anno) Nt = 1,5
APPENDICE - Caratteristiche delle linee elettriche
Caratteristiche della linea: ENERGIA La linea ha caratteristiche uniformi lungo l’intero percorso. Tipo di linea: energia - interrata con trasformatore MT/BT Lunghezza (m) Lc = 50 Resistività (ohm x m)  = 500 Coefficiente di posizione (Cd): in area con oggetti di altezza uguale o inferiore Coefficiente ambientale (Ce): rurale
APPENDICE - Caratteristiche delle Zone
Tipo di zona: interna Tipo di pavimentazione: cemento (ru = 0,01) Pericoli particolari: ridotto rischio di panico (h = 2) Protezioni antincendio: nessuna (rp = 1) Schermatura di zona: assente Impianto interno: ELETTRICO Tipo di circuito: Cond. attivi e PE con stesso percorso (spire fino a 10 m²) Sistema di SPD - livello: Assente (Pspd =1) Valori medi delle perdite per la zona: INTERNA Perdita per tensioni di contatto e di passo (relativa a R1) Lt = 2,50E-01 Perdita per danno fisico (relativa a R1) Lf = 1,00E+00 Perdita per danno fisico (relativa a R4) Lf = 3,33E-02 Perdita per avaria di impianti interni (relativa a R4) Lo = 3,33E-03 Rischi e componenti di rischio presenti nella struttura: INTERNA Rischio 1: Rb Ru Rv N. ELABORATO
DESCRIZIONE
NOME FILE
RELAZIONE SPECIALISTICA PROTEZIONE FULMINI CORPO C Dic. 2011
PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA TORRE ALLEGRA A CENTRO
POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O OASI DEL SIMETO
Tipo di zona: esterna Tipo di superficie del suolo: erba (ra = 0,01) Protezioni contro le tensioni di contatto e di passo: nessuna
APPENDICE - Aree di raccolta e numero annuo di eventi pericolosi.
Struttura
Area di raccolta per fulminazione diretta della struttura Ad = 2,26E-03 km²
Area di raccolta per fulminazione indiretta della struttura Am = 2,01E-01 km² Numero di eventi pericolosi per fulminazione diretta della struttura Nd = 1,70E- 03 Numero di eventi pericolosi per fulminazione indiretta della struttura Linee elettriche Area di raccolta per fulminazione diretta (Al) e indiretta (Ai) delle linee: Numero di eventi pericolosi per fulminazione diretta (Nl) e indiretta (Ni) delle
APPENDICE - Valori delle probabilità P per la struttura non protetta
Pu (ELETTRICO) = 1,00E+00 Pv (ELETTRICO) = 1,00E+00 N. ELABORATO
DESCRIZIONE
NOME FILE
RELAZIONE SPECIALISTICA PROTEZIONE FULMINI CORPO C Dic. 2011
PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA TORRE ALLEGRA A CENTRO
POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O OASI DEL SIMETO
N. ELABORATO
DESCRIZIONE
NOME FILE
RELAZIONE SPECIALISTICA PROTEZIONE FULMINI CORPO C Dic. 2011

Source: http://www.provincia.ct.it/servizi/servizi_alle_imprese/bandi-di-gara/allegati70529/9_-_relaz-spec-protez-fulm-c.pdf

Chemwatch msds msds for house of kolor high gloss thinner ru-10

ChemWatch MSDS MSDS for HOUSE OF KOLOR HIGH GLOSS THINNER RU-101 HOUSE OF KOLOR HIGH GLOSS THINNER RU-101 ChemWatch Material Safety Data Sheet CHEMWATCH 5090-74 Date of Issue: Tue 12-Aug-2003 STATEMENT OF HAZARDOUS NATURE HAZARDOUS ACCORDING TO WORKSAFE AUSTRALIA CRITERIA. SUPPLIER SYNONYMS SHIPPING NAME Product Name: House of Kolor High Gloss Thinner RU-101file:///C|/Te

Medicating feral kittens

MEDICATING FERAL KITTENS Some Helpful Guidelines for Medicating Feral Kittens from www.urbancatleague.org With sickly feral kittens try to use your vets most effective but least traumatic treatment available. Handling kittens unnecessarily to medicate them will set back the socialization process and sometimes make a timely socialization impossible. Along with medical treatment

Copyright © 2010-2014 PDF pharmacy articles